Progetto Civitella

Immagine

AbruzzoLento sta collaborando alla realizzazione di un altro progetto di ricerca-azione promosso dal comune di Civitella Alfedena (AQ), nel cuore del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise e portato avanti dai ricercatori della Università di Teramo  – (Emilio Chiodo – economista agrario della Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro‐alimentari e Ambientali – e Rita Salvatore – sociologa dell’ambiente e del territorio e assegnista presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione).

Il progetto intende proporre una nuova agenda per il turismo sostenibile e durabile dell’area comunale e mira alla riorganizzazione e al rinnovamento dell’intero sistema turistico-locale, in un’ottica partecipativa ed inclusiva. La prima fase, che si è svolta nel corso dell’estate, è stata dedicata alla somministrazione dei questionari ai turisti, sia presso le strutture ricettive che presso le località di maggiore attrazione turistica, come per esempio il Lago di Barrea e la Camosciara. Il periodo autunnale-invernale, invece, sarà dedicato ai percorsi seminariali e ai tavoli di lavoro, cui prenderanno parte tutti gli operatori turistici ed economici interessati.

 Scarica qui il progetto completo

Annunci

Nasce la prima bozza di pacchetto turistico

20 aprile 2013: Grazie al lavoro svolto dal tavolo di lavoro Nemo che si è formato durante lo spazio aperto di discussione dello scorso 13 aprile, Wolftour ha elaborato la prima bozza di pacchetto turistico nell’ambito dell’itinerario AternoLento. Si tratta di un working in progress sul quale andare ad innestare tutte le proposte, idee, suggerimenti che giungeranno. Obiettivo: essere presenti a Fiera Cavalli Verona con un catalogo, pronti per le prenotazioni! Poi Londra, Berlino… Aspettiamo i vostri comments

20 maggio 2013: grazie alle  osservazioni e ai commenti giunti in queste settimane, sia da parte dei partecipanti al tavolo Nemo che da operatori che non erano presenti a Villa Sant’Angelo, ma che hanno mostrato il loro interesse al progetto,  abbiamo aggiornato la prima bozza di pacchetto turistico. Si tratta, però, ancora di un “canovaccio” molto draft sulla base del quale continuare a ragionare e dal quale magari tirare fuori anche altri “sottopacchetti” differenziati a seconda del mezzo (cavallo, bici, piedi) utilizzato negli spostamenti.

27 maggio 2013: in seguito ai vostri preziosi interventi abbiamo  aggiornato nuovamente il pacchetto. In questi giorni stiamo procedendo con altre verifiche sul percorso insieme alle guide equestri di FITETREC-Ante. Non appena tutto il percorso sarà stato testato, avremo elementi più completi per definire al meglio l’intera offerta. Sarebbe auspicabile convocare un incontro tra il tavolo tecnico e  il tavolo Nemo entro la fine di giugno. Fateci sapere le vostre disponibilità.

SCARICA QUI la bozza aggiornata del pacchetto

bozza_pacchetto_27maggio

aternoLento muove i primi passi

slide slow Nelle settimane scorse il primo itinerario del progetto Slow travels  ha iniziato a muovere i suoi  passi iniziali verso la progettazione partecipata di  alcuni percorsi eco-turistici che, promuovendo un’idea di tempo libero intimamente connessa a forme di mobilità dolce, aspirano a far vivere il territorio abruzzese all’insegna della lentezza. Lentezza non solo come riappropriazione di un tempo liberato dai ritmi accelerati della quotidianità, ma anche come calmo attraversamento di uno spazio che ancora oggi comunica la sua unicità e la sua straordinarietà attraverso paesaggi ad alto valore naturalistico. Lentezza come “assaporimento” delle micro-storie, quelle che spesso hanno come palcoscenico paesi purtroppo in via di estinzione sociale, poiché abitati da troppe poche persone. Anziani per lo più.  Lentezza anche come dimensione riflessiva, che si genera e si alimenta grazie ad un incontro sui generis, tra i soggetti viaggianti e i residenti, tra quelli che hanno voglia di ascoltare e quelli che vogliono  raccontarsi. Lasciandomi suggestionare dalle teorie interpretative di geertziana memoria, sarei tentata nel sintetizzare questa idea di lentezza definendola come una sorta di modalità thick di fare turismo. Turismo lento come thick tourism, come esperienza “spessa”, densa, di fare viaggio.

Continua a leggere